Pensieri & Parole: La Natura

Quante volte mi soffermo ad osservare la natura da cui siamo avvolti ogni giorno.

Ne rimango affascinata.

Lei così perfetta.

Nulla di tutto ciò che è spontaneamente naturale è sbagliato, tutto ha un motivo, una causa, e tutto porta a una conseguenza. Una conseguenza per cui Madre Natura ha appositamente mosso i suoi passi per arrivare esattamente lì dov’è e dove deve essere.

Per quanto noi possiamo domandare: “ma a che cavolo servi!? Ma sparisci dalla faccia della terra!!” (sopratutto quando si parla di paure, me compresa ovviamente, con la mia aracnofobia), tutto ha un motivo, un perché esistere.

Tutto è concatenato e tutto porta a lei.

Pensate alle città abbandonate.

La città abbandonata di Angkor, dove la natura ora domina suprema. Pic: Flip Nomad/CC BY-NC-ND 2.0

Intere città vuote che ospitano tonnellate di materiale artificiale che lei, incessante, distrugge per riprendersi il territorio grazie a muschi, piante rampicanti e radici con le quali sgretola i nostri artefatti umani, pronta a riprendersi ciò che è suo di diritto.

Continuiamo a cercare di sopraffarla a volte anche denigrandola e offendendola con i nostri atti ignobili solo per il mero tornaconto personale di pigrizia o avidità.

Poi ci si lamenta se si fa girare il boccino e si ribella.

Ovvio!

Chi scarica rifiuti tossici in mare, chi sotterra tonnellate di rifiuti (industriali e non).

Pensateci: cosa fareste se facessi in modo che tutti gli scarichi di casa mia convergessero nella vostra piscina? O se sotterrassi i miei rifiuti nel vostro giardino?

Oppure, molto più semplice ma sicuramente efficace: Cosa fareste se sputassi sul pavimento di casa vostra?

Ve lo dico io: mi dareste un calcio nel deretano così forte da fare il giro del mondo in 80 secondi netti, altro che 80 giorni, e me lo meriterei!

Madre natura non si farà mai mettere i piedi in testa da noi. Certo le serve tempo, ma quando le viene dato o decide di prenderselo, non ce n’è per nessuno.

Il bombo

Volete una prova tangibile? Pensate ai bombi!

Il bombo è quell’imenottero pelosone e decisamente sproporzionato, che qualche scienziato ha deciso che le sue ali sono troppo piccole per sostenere e far volare quel corpo ciccioso.

Quindi: Madre natura ha deciso che poteva volare, l’uomo ha deciso che non era fisicamente possibile.

Sapete cosa ha fatto il bombo?

Se ne è riccamente sbattuto di ciò che pensa l’uomo.

Al mattino si sveglia e sa che deve andare a recuperare nettare, e allora sbatte le sue ali con impegno e dedizione e, infischiandosene di quello che pensa la mente umana e le sue scienze, LUI VOLA!

Per questo mi ci riconosco in pieno.

Nella mia vita mi sono dovuta sempre sbattere per ottenere quello che mi prefiggevo di raggiungere e sono certa che il 99% di voi ha dovuto fare, e ancora oggi fa, altrettanto per ottenere ciò che desidera.

Facciamoci un esame di coscienza e prima di mancare di rispetto all’ambiente che ci circonda nascondendo la carta del gelato sotto la sabbia, sputando per terra o buttando il vostro mozzicone di sigaretta dove capita, pensiamoci due volte. 😉

A presto, bombi! 💖

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.